PROGETTO

Mappa :: Credits
 

 

Le recenti ricerche geologiche e zoologiche del Museo di Verona condotte in alcune aree delle province del Guizhou e del Guangxi (Cina), hanno evidenziato la presenza di importanti acquiferi carsici e la delicatezza degli equilibri ecologici che li caratterizzano.
Le acque carsiche presenti nel sottosuolo cinese sono spesso ancora poco utilizzate per usi civili, nonostante esse rappresentino una risorsa considerevole di acque di buona qualità. Pertanto, è fondamentale disporre di corrette conoscenze sulle caratteristiche di questi particolari acquiferi per definirne l’utilizzazione ottimale e predisporne i corretti strumenti di salvaguardia.
La presenza di una ricca fauna che, in seguito alle diverse vicende geologiche e climatiche del passato, ha trovato rifugio all’interno degli ambienti sotterranei, li rende particolarmente importanti per gli studi di biologia evoluzionistica e per il mantenimento della biodiversità.
Infine, il continuo aumento, spesso incontrollato, dei consumi idrici, correlato ad un esteso processo di sfruttamento dell'ambiente naturale, ha provocato uno scompenso nel ciclo dell'acqua che sembra tendere verso un graduale impoverimento della risorsa idrica e della qualità della stessa.
La necessità di un sistematico monitoraggio della risorsa idrica del territorio risulta fondamentale per guidare correttamente tutti gli interventi di tutela poiché le acque sotterranee sono la principale fonte di approvvigionamento potabile del Guizhou. Considerata, pertanto, la vocazione prevalente all'uso dell'acqua sotterranea, come acqua destinata ad uso potabile ed irriguo, diventa fondamentale che questa sia di buona qualità ed abbondante.
I risultati delle recenti indagini permettono di evidenziare come la diversa qualità delle acque (superficiali e sotterranee) dipende, oltre che dalle caratteristiche naturali del sottosuolo anche dalla tipologia delle attività industriali ed agricole svolte sul territorio.

 
Tang Bian Da Dong